Menu’di San Martino

Il giorno di San Martino, l’11 novembre, si festeggia l’apertura del vino novello e la fine delle attività agricole prima dell’inverno. Al Santo che si celebra sono legate alcune leggende. La più nota è quella secondo la quale il cavaliere Martino soccorso un vecchio infreddolito donandogli il suo mantello e il sole cominciò a battere forte come se fosse estate per scaldare il pover’uomo.

Menu'di San Martino

Un’altra ricorda di quando Martino, per evitare di essere nominato vescovo, si nascose, ma le oche fecero talmente tanto rumore che Martino venne scoperto e divenne vescovo. Per questo l’oca solitamente non manca mai nel menù di San Martino in gran parte dell’Europa.

Non solo per la leggenda per cui, per ricordare il tradimento delle oche, il giorno di San Martino ne viene sempre arrostita una. L’oca, infatti, è legata anche ad altre tradizioni. Prima di tutto al fatto che nel periodo della festa di San Martino si concludevano i contratti agricoli e i contadini pagavano la decima ai Signori, spesso con prodotti della terra o del bestiame tra cui le oche. Inoltre perché la carne d’oca e quella di maiale costituisce la migliore riserva di grasso e di proteine per il periodo invernale.

Vediamo un menu’ per il giorno di San Martino:

Antipasto:

  • Pittule con il mosto cotto

Primi:

  • Pappardelle con ragù di maiale.
  • Vellutata di zucca

Secondo:

  • Gulyas ungherese

Ingredienti
250 gr di carne di manzo per spezzatino
200 gr di patate
100 gr di cipolla
2 cucchiai di olio di semi
3 gr di paprika ungherese
Un cucchiaino di aceto di vino bianco
Un cucchiaio di farina 00
Sale
Maggiorana

Preparazione

In una pentola alta, soffriggere la cipolla affettata nell’olio di semi fino a doratura. Aggiungere la paprika e sfumare con l’aceto. Inserire la carne, un pizzico di sale e di maggiorana e, infine, mezzo bicchiere d’acqua.
Non appena il liquido sarà evaporato, spolverare con un cucchiaio di farina e lasciare assorbire. Versare un litro d’acqua e, infine, le patate tagliate a cubetti.
Far sobbollire fino a completa cottura delle patate.

Dessert:

  •  Dolce di San Martino

Ingredienti

Per la pasta frolla:
250 gr. di farina
150 gr. di burro
100 gr. di zucchero
1 tuorlo

Per la copertura:
80 gr di cioccolato fondente al 70%
Sfere argentate in zucchero

Preparazione

In una ciotola, impastare farina, zucchero, burro ammorbidito. Incorporare molto velocemente, formare una palla e lasciare riposare in frigo per 30 minuti dopo averla avvolta nella pellicola. Preriscaldare il forno a 180°, togliere l’impasto dal frigo, stendere con il mattarello e ritagliare la sfoglia con il tipico disegno di San Martino a cavallo.
Dorare in forno per 15 minuti. Una volta tolto il biscotto dal forno, lasciare raffreddare e nel frattempo sciogliere il cioccolate a bagnomaria.
Decorare la superficie del dolce con il cioccolato e le sfere argentate.

Il tutto accompagnato con un buon vino Novello e castagne arrosto.

Buon appetito.

Vivi il Salento, vivilo su Salento Bed and Breakast.
Il nuovo portale del Salento e della salentinita’

Salento bed and breakfast

Se hai una struttura turistica: bed and breakfast, casa vacanze, hotel, resort, villaggio, camping, iscrivilo su Salento B&B