Ma cosa è davvero il giorno di San Valentino?

Ma cosa è davvero il giorno di San Valentino? L’originale festività religiosa prende il nome dal santo e martire cristiano Valentino da Terni; e venne istituita nel 496 da papa Gelasio I, andando a sostituirsi alla precedente festa pagana delle lupercalia.  La pratica moderna di celebrazione della festa è centrata sullo scambio di messaggi d’amore e regali fra innamorati; questa tradizione risale probabilmente al Basso Medioevo. Soprattutto nei paesi di cultura anglosassone; e per imitazione anche altrove, il tratto più caratteristico della festa di san Valentino  è lo scambio di bigliettini d’amore. A partire dal XIX secolo, questa tradizione ha alimentato la produzione industriale e commercializzazione su vasta scala di biglietti d’auguri dedicati a questa ricorrenza; e cioccolatini con messaggi e frasi romantiche.

il giorno di San Valentino

Google ed internet

Anche Google, non perde l’occasione di festeggiare la ricorrenza con un doodle; che propone i pangolini indiani innamorati che scrivono lettere d’amore su sfondo rosa-romantico; non bisogna mai dimenticare che l’amore è nelle piccole cose. Un mazzo di fiori, una scatola di cioccolatini, un messaggio scritto con il cuore e non copiato da internet; restano il regalo più bello da fare alla propria innamorata/o.

Ma cosa è davvero il giorno di San Valentino? Ve lo siete mai chiesti?

E poi non bisogna per forza spendere cifre astronomiche. Un tempo mi ricordo, che si era molto più originali e ci si instruiva sul fai date. Si rigalava una musicassetta
(ormai un cimelio) con le canzoni degli attimi più ‘importanti’;  che ricordano il primo incontro, il primo bacio, magari con un mazzo di fiori ed un bigliettino scritto di proprio pugno.  Un espressione di amore che non aveva bisogno di essere quantizzata in moneta. Oggigiorno l’amore deve per forza avere un prezzo;  se non si regalano gioielli e cene costose forse non siamo meritevoli dell’amore dell’altra metà. E poi bisogna sbandierare tutto su facebook o instagram, per dire visto che ho avuto!!!

Tutto ha un prezzo, tutto serve per creare un immagine “fasulla” e a volte menzoniera; ma il giorno di San Valentino non deve essere una banale ricorrenza di un solo giorno;  in cui San Valentino si veste da babbo Natale, in un allegorico carvenale di feste fuori stagioni, e portare regali. Il giorno di San Valentino deve far riflettere che l’amore non ha prezzo, il vero amore. L’amore va oltre il tempo e supera lo spazio e la lontananza;  l’amore non è violenza, non è menzogna, non ha colore di pelle, l’amore non si misura con quanti soldi posseggo, ne con l’invidia; ma sopratutto ricordatevi che l’amore è sacro.

Il Giorno di San Valentino deve essere una ricorrenza per non dimenticare mai che l’amore deve essere gioia per l’anima; siate originali e non banali con la vostra anima gemella; dimenticate sprechi di soldi, basta un idea un bigliettino una frase o un disegno che ricordi i vostri indimenticabili attimi, per crearne di nuovi. Valorizzate ogni giorno il vostro amore con qualcosa di più durevole del vil denaro.